la realtà aumentata rappresenta una dimensione parallela

Una dimensione parallela

Cosa succede a un contenuto di realtà aumentata mentre non lo osserviamo?

Il riferimento al paradosso del gatto di Shrödinger non vuole complicare la questione della realtà aumentata trascinandola nelle intricate maglie della meccanica quantistica. Ma in effetti c’è un concetto spesso trascurato quando si pensa alle tecnologie immersive, ed è quello della persistenza.

Si crede erroneamente che aggiungere un oggetto digitale allo spazio fisico sia un’attività effimera. In realtà stiamo arredando uno spazio sovrapposto a quello ordinario.
A chi si fosse perso le puntate precedenti, ricordo che per visualizzare un contenuto in realtà aumentata in un determinato luogo, occorre:
a) creare un’associazione tra il contenuto e il luogo nel quale vogliamo inserirlo;
b) richiamarlo inquadrando tale luogo con il proprio smartphone o con dei visori.

Bene, adesso verrebbe da pensare che quel contenuto sia solo nello smartphone e non nello spazio fisico. Il che è vero solo in parte. Quando geolocalizziamo un’informazione, quella certamente risiede nel sistema utilizzato per visualizzarla (in questo caso lo smartphone), ma appartiene al luogo al quale è stata associata.
Allo stesso modo, un oggetto in realtà aumentata entra a far parte del luogo per il quale è stato pensato e nel quale è stato collocato. Al pari di un oggetto qualunque e diversamente da un video o da un software.

In questa semplice osservazione si capisce come la realtà aumentata porti un cambio di prospettiva. Infatti, non è detto che distogliendo lo sguardo (ossia la fotocamera dello smartphone) dal nostro spazio, il contenuto in realtà aumentata cessi di esistere.

Facciamo l’esempio di un dinosauro in salotto. Soprassediamo per un momento sull’utilità di visualizzare un dinosauro nel proprio salotto e andiamo avanti.

Inquadriamo lo spazio vuoto tra il divano e la tv ed ecco uno splendido, gigantesco e antico animale in scala, perfettamente dettagliato. Sembra vero, sta per azzannarci!
Bene, rimettiamo il telefono in tasca e il dinosauro, grazie a dio, scompare ai nostri occhi. Senza il filtro tecnologico offerto dallo smartphone (e dai sistemi che ci girano dentro), la realtà aumentata (per il momento) non è visibile.

Ma, sentite bene: il dinosauro, al di là che lo vediamo o meno, è sempre lì.

Fino a poco tempo fa sarebbe stato molto complicato dotare un sistema di realtà aumentata della capacità di ricordare dove si trovavano gli oggetti virtuali rispetto allo spazio reale.
Oggi è una delle funzionalità più interessanti di quella che chiamiamo Mixed Reality, ovvero una realtà aumentata ancora più integrata con lo spazio fisico.

Ebbene, questa memoria fa passare la realtà aumentata da un sistema dipendente dal proprio telefono, a una dimensione parallela nella quale inserire contenuti digitali salvo poi richiamarli all’occorrenza.

C’è ad esempio un gioco che consiste nel coltivare piante virtuali. Indossi il visore e le vedi sparse per casa; ti togli il visore e non ci sono più. Ma quelle continuano lo stesso a crescere, evolvere, avere sete o morire, anche mentre non stai lì a giocarci. Anche mentre non le stai vedendo. Come succede a una qualunque pianta reale nel nostro mondo.
Fa molta differenza il fatto che ciò accada a un contenuto in Mixed Reality, integrato nello spazio reale, e non nello spazio bidimensionale (per quanto intelligente) di un videogame.
È la medesima differenza che intercorre tra qualcosa che sta accadendo lì davanti a te, in quel momento, e un qualcosa di programmato nel quale siamo “solamente” accompagnati. È un’oggetto che appartiene alla forma tridimensionale del quotidiano.

È come un piano della realtà che si può svelare o tenere nascosto. E che, come dicevamo, continua a esistere anche se non lo osserviamo, accanto a noi. È un velo.

Come racconto più approfonditamente in questo articolo, tutto ciò sta sollevando anche qualche problemino etico per gli inserzionisti che già stanno mettendo le mani su questo spazio, illusorio quanto vuoi, ma che esiste a tutti gli effetti (perché sortisce degli effetti, informando o emozionando, ad esempio), a prescindere che non sia immediatamente visibile. Ma d’altronde, neanche l’aria è visibile. E tuttavia c’è.

Ti lascio quindi a meditare su questo punto di vista e su un racconto di Augusto Monterroso, uno dei più brevi mai scritti:
Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì

Photo by Umanoide

Condividi questo articolo:

Come la quarta dimensione digitale sta cambiando relazioni, comportamenti ed economie

Leggi gratis le prime 45 pagine!
Condividi questo articolo:

L’autore

Io sono Antonio Laudazi, da oltre 10 anni anni mi occupo di strategia, innovazione, cultura organizzativa e management.
Lavoro come consulente strategico e formatore, aiutando professionisti e aziende a migliorare la qualità delle proprie azioni.
Sono poi autore del libro “Niente sarà più come prima”, (Dario Flaccovio Editore), docente e formatore su tecnologie innovative e project management.

Articoli correlati

Ti è piaciuto questo post?

Nella newsletter trovi contenuti dedicati solo agli iscritti