una prigione, realtà virtuale ed empatia

Realtà virtuale ed empatia

Mettersi nei panni dell’altro

Se pensate che la realtà virtuale sia “solo” un gingillo per videogiocatori o uno strumento fantascientifico per sognare a occhi aperti, beh, oggi vi presento uno degli aspetti che più amo di questa disciplina: la creazione dell’empatia.

Alcune esperienze di VR (virtual reality) hanno l’obiettivo, o hanno già dimostrato, di poter influenzare il nostro rapporto con gli altri o con la natura.

Una strada tecnologica per un mondo più interconnesso.

Vi racconto cosa sta succedendo e cosa succederà.

Attraverso la realtà virtuale non è soltanto possibile passeggiare in un mondo digitale. È anche possibile cambiare il proprio punto di vista: guardare con occhi diversi, gli occhi di qualcun altro.

Un video immersivo realizzato dal the Guardian, dal titolo 6×9, ci proietta nella soggettiva di un detenuto.
All’inizio sembra un semplice film. Poi iniziamo a provare qualcosa. Il video trasmette direttamente ai nostri sensi, le sensazioni distorte provocate da una prigionia prolungata. Il senso di levitazione, le allucinazioni, la claustrofobia, le urla degli altri detenuti iniziano a farci percepire un forte malessere.

Avete presente quando si dice “mettersi nei panni di qualcuno?”

Ecco, parlo esattamente di questo. Un processo che ci rende più consapevoli, più sensibili verso l’altro e verso le condizioni dell’altro, spesso vissute solo in termini “intellettuali”.

Sappiamo tutti cosa comporta la prigionia, ma chi non è stato in carcere non può veramente “sentire” cosa si prova.

Un’altro progetto si chiama “In the eye of the animal” e fa proprio questo.
Sapevate che uccelli, rettili e insetti vedono il mondo in maniera radicalmente diversa dalla nostra? Si? Ma avete mai visto con i loro occhi?
Bene, qui si può avere un’idea di che cosa significhi volare o cacciare in una foresta con i sensi di un gufo, di una rana o di una libellula.

Vivere questa breve esperienza a me ha dato una scossa molto forte. Non per il “gioco” in sé, ma per la riflessione che induce: il mondo non è solo come lo vediamo noi. Ci sono tanti mondi quanti sono i modi di percepire delle innumerevoli creature che lo abitano. Creature così affascinanti e meritevoli di rispetto per la loro unicità e per il loro non essere semplicemente elementi coreografici di un ecosistema del quale ci sentiamo padroni, ma che invece dovremmo fare lo sforzo, umile, di comprendere e proteggere.

Ed è solo l’inizio.

Photo by Benjamín Gremler

Condividi questo articolo:

Come la quarta dimensione digitale sta cambiando relazioni, comportamenti ed economie

Leggi gratis le prime 45 pagine!
Condividi questo articolo:

Come la quarta dimensione digitale sta cambiando relazioni, comportamenti ed economie

Leggi gratis le prime 45 pagine!

L’autore

Io sono Antonio Laudazi, da oltre 10 anni anni mi occupo di strategia, innovazione, cultura organizzativa e management.
Lavoro come consulente strategico e formatore, aiutando professionisti e aziende a migliorare la qualità delle proprie azioni.
Sono poi autore del libro “Niente sarà più come prima”, (Dario Flaccovio Editore), docente e formatore su tecnologie innovative e project management.

Articoli correlati

Ti è piaciuto questo post?

Nella newsletter trovi contenuti dedicati solo agli iscritti